Buco dell'ozono

 

Nell'igloo di Fred puoi trovare anche

 
   
     
 

Il problema ambientale
che coinvolge
i refrigeranti CFC e HCFC

 
     

 

 

   

 

Con il termine "buco dell’ozono" si intende la progressiva diminuzione dello spessore dello strato di ozono presente nell’atmosfera.

L’ozono (termine greco che significa ha odore) è un gas formato da 3 atomi di ossigeno (formula chimica O3) che si trova nella parte più esterna dell’atmosfera (stratosfera) ove forma uno strato, di concentrazione molto ridotta, di circa una ventina di chilometri di spessore.
Tale strato contribuisce ad attenuare l’intensità dei raggi solari ultravioletti di tipo B che giungono sulla Terra e che risultano dannosi per la salute dell’uomo e degli animali.
Impoverendosi la fascia d’ozono aumenta l’intensità della radiazione solare che interessa la Terra e quindi, tra l’altro, anche l’effetto di riscaldamento della Terra stessa (effetto serra).

A livello del suolo l’ozono è un inquinante, dannoso per la salute umana: il problema dell’ozono si presenta soprattutto nelle grandi città in quanto causato anche dagli scarichi delle automobili e dei veicoli a motore.
Il problema dell’impoverimento dello strato di ozono si manifesta in corrispondenza delle regioni polari (soprattutto quella Antartica), anche in relazione alle particolari condizioni meteorologiche che si verificano in tali zone.

La funzione protettiva dell’ozono nei riguardi dei raggi UV-B avviene nel seguente modo: la molecola di ozono assorbe il raggio UV, scindendosi in un atomo di ossigeno e in una molecola di ossigeno. Questi ultimi, a loro volta, combinandosi con una nuova molecola e con un atomo di ossigeno, provenienti da un’altra molecola di ozono dissociatasi, formano due altre nuove molecole di ozono.

Tra le sostanze maggiormente imputate della distruzione dell’ozono troviamo il cloro che è uno dei costituenti fondamentali dei refrigeranti  clorofluorocarburi e idroclorofluorocarburi.
Il cloro che si libera da una molecola di CFC, infatti, porta alla dissociazione della molecola di ozono. Attraverso una serie di ulteriori reazioni chimiche, l’atomo di cloro può liberarsi nuovamente dall’atomo di ossigeno che lo lega nel monossido di cloro ed innescare in seguito migliaia di altre nuove reazioni con l’ozono.  
 

 

 

 

© www.interfred.it - Il portale del freddo - Tutti i diritti riservati

Buco dell'ozono

Ultimo accesso 05/12/2019 ore 09:21:51

Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

ID pagina: 421 - N014  

Visite odierne:

 

 

Data creazione: 28/12/2001

Visite totali: 16025

Ultimo aggiornamento: -

                                                 

Visite pagina

2001

139

2002

1792

2003

3002

2004

3883

2005

4792

2006

5639

2007

6592

2008

7101

2009

7955

2010

8638

2011

9457

2012

10340