Home

  Home

Precedente

  Torna indietro

Stampa

  Stampa questa pagina

 

Logo interfred

IF AZIENDE > Refrigeranti

 

 

 

w w w . i n t e r f r e d . i t

Classificazione dei refrigeranti

 

Igloo

Nell'igloo di Fred puoi trovare anche

 

SiglE di identificazione internazionale dei fluidi frigoriferi

 

 

 

 

Classificazione - sigla - identificazione - internazionale - ASHRAE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sigla

 

La classificazione dei refrigeranti riconosciuta a livello internazionale si fonda sullo standard 34 dell'ANSI/ASHRAE, pubblicato nel 2001: "Designazione e classificazione di sicurezza dei refrigeranti".


La sigla identificativa di un refrigerante si compone di un prefisso e di un suffisso.


Il prefisso composto dalla lettera R (Refrigerante) o, alternativamente dalla sigla che identifica la tipologia del refrigerante (HCFC, HFC, HC, ecc.). Quest'ultima soluzione pu essere adottata solo nelle pubblicazioni non tecniche.


Il suffisso un numero il cui significato diverso a seconda che il refrigerante sia un fluido puro, una miscela, un composto organico o un composto inorganico.


 Fluidi puri


Per i fluidi puri il suffisso un numero di due o tre cifre il cui significato il seguente:

  • la prima cifra a destra indica il numero degli atomi di fluoro che compongono la molecola del refrigerante
  • la seconda cifra rappresenta il numero degli atomi di idrogeno aumentato di uno
  • la terza cifra (quando presente) rappresenta il numero degli atomi di carbonio diminuito di uno: se essa pari a zero, viene omessa

Se il refrigerante contiene bromo (Br), il suffisso viene seguito dalla lettera B e da un numero indicante gli atomi di bromo presenti (Esempio: R12B1).
I fluidi contenenti bromo vengono comunemente chiamati halon.


Per determinare il numero degli atomi di cloro presenti, necessario sottrarre la somma degli atomi di fluoro, bromo e idrogeno dal numero totale di atomi che sono legati chimicamente al carbonio. Essi sono in numero di 4 nei derivati del metano (CH4) e 6 nei derivati dell'etano (C2H6).


 

Classificazione di sicurezza

Composizione dei refrigeranti
di natura chimica

 

Esempio : la sigla dell'R22 (clorodifluorometano - CHClF2) cos determinata:
0 : numero di atomi di carbonio (C) - 1
2 : numero di atomi di idrogeno (H) + 1
2 : numero degli atomi di fluoro (F)

Il numero degli atomi di cloro 1. Infatti l'R22 un derivato del metano, in cui 4 atomi di idrogeno sono legati al carbonio. Quindi: 4 - 1 atomo di idrogeno - 2 atomi di fluoro = 1 atomo di cloro.

   

 

Isomero

 

 

Nei derivati ciclici, nella sigla di identificazione del refrigerante compare la lettera C prima del suffisso, come ad esempio nell' RC318 (octafluorociclobutano:C4F8).


Nel caso di isomeri (sostanze aventi la stessa composizione chimica ma diversa disposizione degli atomi nello spazio) nella serie dell'etano e del propano, tutti gli isomeri vengono identificati con la medesima sigla numerica, a cui viene aggiunta una lettera minuscola finale (a,b,c,...) man-mano che l'isomero diventa meno simmetrico. Un esempio dato dall' R134a.


 Miscele zeotrope e azeotrope


Le miscele zeotrope vengono identificate con un numero appartenente alla serie 400, assegnato in base all'ordine cronologico di approvazione da parte dell'ASHRAE.
Accanto alla sigla pu essere indicato il nome dei componenti la miscela, in ordine crescente rispetto al loro punto d'ebollizione normale.
Quando pi miscele sono composte dai medesimi componenti, ma in percentuale massica diversa, essi vengono identificati mediante una lettera maiuscola posta dopo il suffisso numerico.


   

Esempio
Tipi di diverse miscele zeotrope: R404A, R409, R410A

Tipo di miscela composta dai medesimi componenti, ma in percentuale diversa:
R407A (R32/R125/R134a nelle percentuali 20/40/40)
R407B (R32/R125/R134a nelle percentuali 10/70/20)
R407C (R32/R125/R134a nelle percentuali 23/25/52)
R407D (R32/R125/R134a nelle percentuali 15/15/70)
R407E (R32/R125/R134a nelle percentuali 25/15/60)

   
   

Le miscele azeotrope vengono identificate con un numero appartenente alla serie 500. Per quanto riguarda i componenti valgono le medesime designazioni stabilite per le miscele zeotrope.


 Composti organici e inorganici


I composti organici vengono classificati con un numero appartenente alla sigla 600, che viene assegnato secondo un ordine numerico.


I composti inorganici vengono classificati con un numero appartenente alla serie 700, che viene assegnato aggiungendo al numero 700 il numero esprimente la massa molecolare dei componenti.


   

Esempio
L'isobutano un composto inorganico identificato dalla sigla R600a
L'ammoniaca (peso molecolare 17) un composto organico identificato dalla sigla R717

   
         

© www. interfred .it - Il portale del freddo - Tutti i diritti riservati

Classificazione dei refrigeranti

Ultimo accesso: 24/07/2019 ore 09:04:48

Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

ID pagina: 083 - A036

Visite odierne:

 

W3C

Data creazione: 07/09/2004

Visite totali: 25690

Ultimo aggiornamento: -

                                                                   

 

Visite pagina

2004

847

2005

2756

2006

4933

2007

7194

2008

9215

2009

10918

2010

12086

2011

13160

2012

14387

2013

15652

2014

16727

2015

17783

2016

19538

2017

21586

2018

24090

2019

25690