Motore elettrico monofase del compressore

 

Igloo

Nell'igloo di Fred puoi trovare anche

 

Funzionamento e componenti

 

 

 

 

Riequilibrio veloce delle pressioni - Compressori LST - Fusite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Motore funzionamento
Figura 1 - Schema semplificato
di un motore elettrico monofase

 

 

Motore non parte
Figura 2 - Una posizione "critica" del rotore

 

 

Motore avvolgimenti sfasati
Figura 3 - I due avvolgimenti sfasati di 90° garantiscono
sempre l'avvio del rotore

 

 

Motore
Figura 4 - Fusite del compressore con i tre terminali
ed i due avvolgimenti

 

Dal punto di vista elettrico, un compressore è assimilabile ad un motore elettrico.

 

 

Funzionamento del motore elettrico

 

Per capire il funzionamento di un compressore monofase basta quindi studiare come si comporta un motore elettrico monofase.

 

Nel motore elettrico monofase, il rotore viene posto in rotazione dalle forze magnetiche che si generano in seguito al passaggio della corrente negli avvolgimenti dello statore (vedi figura 1).
Per avviare il rotore è necessario disporre di una coppia di spunto piuttosto elevata che viene ottenuta attraverso un cospicuo assorbimento di corrente dalla linea.
Una volta giunti in prossimità del regime di giri nominale, l'intensità della corrente assorbita dal motore diminuisce.

 

 

Avviamento del motore

 

Per avviare il rotore è necessario produrre un campo magnetico rotante. Alimentando un motore elettrico con una sola fase, non siamo sicuri che riesca sempre ad avviarsi. Infatti nel caso in cui il rotore si ferma come nella posizione disegnata in figura 2, le due forze magnetiche che si creano non sono capaci di rimetterlo in movimento.

 

Per avere la sicurezza che il rotore si possa sempre avviare è necessario disporre di due avvolgimenti sfasati elettricamentedi 90° tra loro e con resistenze elettriche diverse, in modo che siano sempre percorsi da correnti di intensità differenti (figura 3).

 

 

Avvolgimento di spunto

 

La funzione del secondo avvolgimento è solamente quella di permettere l’avvio del motore.
Una volta avviato, il rotore può essere mantenuto in movimento grazie al solo campo magnetico alternato prodotto da uno dei due avvolgimenti.
Il secondo avvolgimento, quindi, non serve più perché il motore riesce a funzionare anche con un avvolgimento solo.
L’avvolgimento che funziona solo durante l’avvio del motore si chiama avvolgimento di spunto.

 

 

Avvolgimento di marcia

 

L’avvolgimento che rimane sempre inserito si chiama avvolgimento di marcia.
In un compressore monofase l'avvolgimento di marcia e quello di spunto hanno un estremo in comune che fa capo ad uno dei tre terminali della fusite del compressore, come si può vedere nella figura 4.

 

 

 

 

       
                                                                   
  Visite pagina 2002 716 2003 3172 2004 5928 2005 8711 2006 11982 2007 13023 2008 15716 2009 18921 2010 20819 2011 22320 2012 26198 2013 29120 2014 31427 2015 33483 2016 35850 2017 37719
  2018 39543 2019 41689 2020 2021 2022 2023 2024 2025 2026 2027 2028 2029 2030 2031 2032 2033