Allegato I

 

Nell'igloo di Fred puoi trovare anche

 
   

 

 

 

INDIRIZZI PER LE AZIONI E I PROGRAMMI PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA

1. Riduzione dei consumi energetici nel settore dei trasporti.

Premesso che i programmi nazionali e locali nel settore dei trasporti, finanziati da leggi dello Stato e regionali, devono essere finalizzati di norma all'aumento dell'efficienza energetica, sono indicati, per l'anno 1999, i seguenti interventi:

cofinanziamento, nella misura massima del 50%, delle misure per la mobilità sostenibile nelle aree urbane di cui all'allegato III del decreto del Ministro dell'ambiente del 25 novembre 1994, e nelle zone individuate dalle regioni ai sensi dell'articolo 9 del decreto del Ministro dell'ambiente del 20 maggio 1991 (zone a rischio di inquinamento atmosferico). Le misure potranno comprendere:

a) predisposizione e aggiornamento dei piani urbani del traffico, con particolare attenzione alla loro efficacia in termini di riduzione delle emissioni dei gas-serra;

b) nelle aree urbane e nelle zone con oltre 500.000 abitanti, applicazione di Sistemi intelligenti di trasporto (ITS), realizzazione o potenziamento dei parcheggi di scambio, aumento della capacità di trasporto pubblico con mezzi elettrici, ibridi o gas, riorganizzazione della distribuzione delle merci anche con incentivi a favore delle imprese per l'utilizzo di mezzi elettrici/ibridi o a gas;

cofinanziamento, nella misura massima del 60%, dei costi aggiuntivi per l'impiego, nei mezzi di trasporto pubblico e delle flotte pubbliche, di biodiesel, ETBE, o di altri carburanti ad elevata efficienza;

cofinanziamento, nella misura massima del 50%, dell'acquisto di autoveicoli elettrici/ibridi/a basse emissioni, destinati alle flotte pubbliche e dei servizi di pubblica utilità circolanti nelle isole minori;

cofinanziamento, nella misura massima del 25% del costo del prodotto, dell'acquisto di veicoli elettrici a due ruote destinati alle amministrazioni pubbliche ed agli enti di pubblica utilità.

2. Produzione di energia da fonti rinnovabili.

Premesso che la produzione di energia da fonti rinnovabili è incentivata anche da altre leggi, sono indicati, per l'anno 1999, i seguenti interventi:

cofinanziamento, nella misura massima del 40%, della realizzazione di impianti per la produzione di energia con biomasse, preferibilmente integrati con reti di teleriscaldamento;

cofinanziamento, nella misura massima del 30%, della realizzazione di impianti per l'utilizzazione del "solare termico";

cofinanziamento, nella misura massima del 75% della realizzazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia;

cofinanziamento, nella misura massima del 40%, della realizzazione di impianti nelle isole minori per la produzione di energia dalla fonte eolica, dal combustibile derivato dai rifiuti solidi urbani e dal biogas.

3. Riduzione dei consumi energetici nei settori industriale/abitativo/terziario.

Premesso che la riduzione dei consumi energetici è un obiettivo "trasversale" a molti programmi nei settori dell'edilizia pubblica e residenziale, oltreché dell'industria, sono indicati, per l'anno 1999, i seguenti interventi:

cofinanziamento dei programmi per l'uso efficiente dell'energia elettrica e la riduzione dei consumi nelle abitazioni private, negli uffici, negli edifici pubblici e nelle industrie, nella misura massima del 40% del costo complessivo dei programmi o, per gli interventi sull'extracosto dei prodotti, del 50% dell'extracosto.

I programmi potranno comprendere:

a) effettuazione di diagnosi energetiche;

b) interventi sul patrimonio residenziale IACP e assimilati;

c) integrazione delle iniziative in corso "Contratti di quartiere" e "Programmi di riqualificazione urbana e sviluppo sostenibile del territorio";

d) promozione e diffusione di sistemi di riscaldamento e condizionamento, e di componenti elettrici ad alta efficienza nel settore abitativo, negli uffici e negli edifici pubblici;

e) applicazione di componenti elettrici ad alta efficienza nelle industrie;

cofinanziamento, nella misura massima del 40%, dei costi aggiuntivi dei programmi per l'utilizzo di combustibili innovativi a basso impatto ambientale o per l'uso efficiente dei combustibili nell'industria.

4. Riduzione delle emissioni nei settori non energetici.

Sono indicati, per l'anno 1999, i seguenti interventi:

cofinanziamento, nella misura massima del 40%, dei programmi di riduzione delle emissioni di metano dagli allevamenti agricoli.

5. Programma nazionale di ricerca per la riduzione delle emissioni.

I programmi di ricerca, relativamente alle finalità del presente decreto, riguardano la riduzione delle emissioni e la promozione delle fonti rinnovabili.

Per l'anno 1999 sono indicati i seguenti programmi:

organizzazione dell'archivio nazionale dei dati sulle emissioni per la verifica e la certificazione dello stato di avanzamento del programma di riduzione delle emissioni, come richiesto dalla Convenzione sui cambiamenti climatici, dal protocollo di Kyoto e dalle decisioni dell'Unione europea. L'archivio nazionale dei dati, secondo quanto previsto dal protocollo di Kyoto, dovrà consentire anche la certificazione delle emissioni e dei crediti di emissione nell'ambito dei programmi di cooperazione internazionale. Il Ministero dell'ambiente, provvederà al finanziamento e all'organizzazione dell'archivio nazionale dei dati, mediante l'integrazione delle iniziative in corso e la realizzazione di una "struttura di servizio" comune agli istituti ed enti nazionali di ricerca;

cofinanziamento, nella misura massima del 25%, di progetti di ricerca applicata per lo sviluppo di tecnologie ad elevata efficienza energetica e a basse emissioni inquinanti negli impianti a ciclo combinato, negli impianti di cogenerazione industriale e civile, nonché negli impianti di gassificazione di emulsioni e residui;

cofinanziamento, nella misura massima del 25%, di progetti di ricerca applicata per lo sviluppo di tecnologie e modalità di trasporto a basse emissioni.

6. Programmi di cooperazione internazionale nell'ambito dei "Meccanismi di Kyoto".

I programmi finanziabili, secondo quanto previsto dal protocollo di Kyoto, fanno riferimento ai progetti bilaterali di riduzione delle emissioni, realizzati da istituzioni pubbliche o aziende private italiane, in collaborazione con partners di altri Paesi industrializzati o con Paesi in via di sviluppo.

I programmi finanziabili devono essere finalizzati all'acquisizione di "crediti di emissione" a favore dell'Italia, nell'ambito della "fase pilota" delle "activities implemented jointly", e dei meccanismi di "joint implementation" e "clean development mechanism".

I programmi saranno cofinanziati, sulla base di accordi e contratti di programma stipulati dal soggetto proponente, con il Ministero dell'ambiente, e con gli altri Ministeri competenti, secondo i seguenti criteri:

  • cofinanziamento della progettazione esecutiva, nella misura massima del 50%, dei programmi nell'ambito dei meccanismi di Joint implementation e Clean development mechanism;

  • cofinanziamento della promozione dei progetti presso i Paesi terzi, nella misura massima del 50% dei costi sostenuti dai proponenti.

 

 


 

 

 

 

 

 

© www.interfred.it - Il portale del freddo - Tutti i diritti riservati

Decreto Ministero Ambiente 20 luglio 2000, n. 337 - Allegato I

Ultimo accesso: 14/05/2021 ore 02:58:53

Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

ID pagina: 321 - A094

Visite odierne:

 

 

Data creazione: 18/08/2003

Visite totali: 7069

Ultimo aggiornamento: -

                                                 

Visite pagina

2003

227

2004

1523

2005

2174

2006

2952

2007

3645

2008

4295

2009

4989

2010

5138

2011

5265

2012

5443

2013

5627

2014