ITE

Agevolazioni per l'installazione

 

Nell'igloo di Fred puoi trovare anche

 

DETRAZIONE FISCALE DEL 50% PER RISTRUTTURAZIONE O RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

     

 

     
 

detrazione fiscale - agevolazioni Fiscali -. ecoincentivi -  installazione. - sostituzione - pompe di calore - climatizzatore - riqualificazione energetica - ristrutturazione edilizia - 55% - 50%

 
     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giugno 2012 - Sono state  pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n.147 del 26/6/2012, inserite nel pacchetto di misure del "Decreto Sviluppo", le novità relative agli incentivi per ristrutturazione edilizia.

 

Gli incentivi comprendono anche l'installazione o la sostituzione di climatizzatori e pompe di calore.

 

Fino al 30/6/2013 la detrazione fiscale è del 50%, con un  tetto massimo di spesa fino a 96.000 €. Oltre tale data le detrazioni saranno del 36% con tetto massimo di 48.000 €.

 

 

 

 

͏͏

 

 

Gennaio 2012- Il decreto sviluppo proroga fino al 30 giugno 2013 le detrazioni fiscali del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Quindi è possibile godere di una detrazione del 55% fino al 31 dicembre 2012 e del 50% dal 1 gennaio al 30 giugno 2013, spalmata su 10 anni, anche per l'installazione di pompe di calore.

 

Possono usufruire dell'agevolazione tutti i contribuenti che sostengono spese per l'esecuzione degli interventi su edifici esistenti, su loro parti o su unità immobiliari esistenti posseduti o detenuti.

 

Le agevolazioni sono usufruibili da persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni; i contribuenti che conseguono reddito d'impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali); le associazioni tra professionisti; gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

 

Per fruire dell'agevolazione è necessario acquisire l'asseverazione di un tecnico abilitato; l'attestato di certificazione o di qualificazione energetica, ove richiesto; la scheda informativa relativa agli interventi realizzati. Occorre poi trasmettere all'ENEA, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, attraverso il sito internet:

 https://efficienzaenergetica.acs.enea.it/

l'attestato di certificazione o di qualificazione energetica e la scheda informativa.

 

Per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione il valore massimo della detrazione fiscale è di 30.000 euro.

 

Dal 2012, inoltre, la detrazione è stata estesa alle spese per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.

 

Per ogni ulteriore informazione in merito:

 

L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione una pratica guida operativa.

 

 

 

͏͏

 

 

Gennaio 2011 - La legge di stabilità per il 2011 prevede, all'articolo 48, la proroga delle agevolazioni per l'installazione delle pompe di calore fino al 31 dicembre 2011. La possibilità di detrarre il 55% della spesa, però, ora deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Rimane invariato il tetto detraibile massimo di 30 mila euro.

Ecco il testo dell'articolo:
«Le disposizioni di cui all'articolo 1, commi da 344 a 347, della legge 27 dicembre 2006, n.296, si applicano, nella misura ivi prevista, anche alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2011. La detrazione spettante ai sensi del presente comma è ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni di cui all'articolo 1, comma 24, della legge 24 dicembre 2007, n.244, e successive modificazioni, e all'articolo 29, comma 6, del decreto legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n.2. »

Rimane altresì in vigore la disposizione di presentare una relazione tecnica specifica redatta da un professionista abilitato. La scheda informativa (allegato E) deve essere inviata all'ENEA.

I requisiti per poter godere delle detrazioni sono quelli specificati  nel DM 19 febbraio 2007 nell'allegato I.

 

 

͏͏

 

 

Gennaio 2010 - Con la legge Finanziaria per il 2010 sono state prorogate al 31 dicembre 2010 le agevolazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, a suo tempo previste dall’articolo 1 della legge n. 449 del 1997, e via via prorogate con successive disposizioni normative. Sempre con l’obbligo di evidenziare in fattura il costo della manodopera per poter fruire dei benefici.
Installando una pompa di calore è possibile recuperare il 36% del costo totale dell’impianto, attraverso la detrazione fiscale nella denuncia dei redditi. Possono beneficiare delle agevolazioni: proprietari e loro familiari conviventi; titolari di diritti reali (nuda proprietà, uso, usufrutto, abitazione); inquilini e comodatari (persone che usano gratuitamente la casa); futuri acquirenti di un immobile, con compromesso registrato; soci di cooperative in proprietà divisa e indivisa; soci di s.s, s.a.s. e s.n.c. (società semplici, in accomandita semplice, in nome collettivo), nonché di imprese familiari.

Inoltre prosegue anche la possibilità di detrarre il 55% della spesa relativa ai lavori di riqualificazione energetica degli edifici. Rientra in tale ambito la sostituzione degli impianti di climatizzazione. E' necessaria però, una "relazione tecnica" rilasciata da un Professionista abilitato (Ingegnere, Architetto, Perito Industriale, ecc) nella quale, si certifichi il risparmio energetico conseguito con l'installazione degli apparecchi acquistati.

 

 

͏͏

 

 

Gennaio 2009 - Con la Legge Finanziaria per il 2009 è stata confermata la proroga delle detrazioni fiscali relative alla riqualificazione energetica degli edifici, fino al 31 dicembre 2010.

Tra gli interventi che possono ottenere una detrazione fiscale del 55% rientra la sostituzione intera o parziale dell'impianto di climatizzazione invernale con pompe di calore.

Per informazioni su spesa massima ammissibile, detrazione massima, condizioni tecniche per poter usufruire delle detrazioni e documentazione da produrre si rimanda agli approfondimenti che trovi in :

͏͏

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gennaio 2008 - La legge Finanziaria per il 2008 proroga le detrazioni fiscali al 55% per la riqualificazione energetica degli edifici, già previste dalla legge Finanziaria del 2007.
Tali detrazioni sono applicabili anche per le spese sostenute per l'installazione o la sostituzione intera o parziale entro il 31 dicembre 2009  di sistemi di riscaldamento non a condensazione (pompe di calore).
Il valore massimo della detrazione è di 30.000 euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo.

͏͏



 

 

 

Luglio 2007 - La Circolare n. 36 del Ministero delle Finanze del 31 maggio 2007 conferma che la detrazione d'imposta del 55% per gli interventi di risparmio energetico previsti dai commi 344-345-346  e 347 della Finanziaria 2007 è applicabile anche per le pompe di calore purché si realizzi la maggiore efficienza energetica richiesta dalla norma rispetto ad altre possibili soluzioni (vedi generatori di calore a condensazione).

 

 

͏͏

 

 


 

 

 

 

 

 

 

Gennaio 2004 - Si riporta uno stralcio della legge finanziaria per il 2004:

Art. 16:
All'articolo 9, comma 2, della legge 28 dicembre 2001, n.448, le parole "31 dicembre 2003" e "30 giugno 2004" sono sostituite, rispettivamente, dalle seguenti: "31 dicembre 2004" e "30 giugno 2005" e le parole da:"aliquota del 36 per cento" fino alla fine del comma sono sostituite dalle seguenti: "aliquota del 41 per cento del valore degli interventi eseguiti, che compete in misura pari al 25 per cento del prezzo dell'unità immobiliare risultante nell'atto pubblico di compravendita o di assegnazione e, comunque, entro l'importo massimo di 60mila euro".

 

 

͏͏

 

 

 

 

Gennaio 2003 - La legge finanziaria per il 2003 ha confermato fino al 30 settembre 2003 la disposizione che permette di detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 36% delle spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie e l'IVA al 10%.

 

 

͏͏

 

 

 

 

 

Gennaio 2002 -  La legge finanziaria per il 2002 ha confermato anche per il corrente anno la disposizione che permette di detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 36% delle spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie.
Rientra in tale ambito l'installazione del climatizzatore domestico, purché funzionante anche in pompa di calore. 
Nella dichiarazione dei redditi relativa, sarà possibile detrarre il 36% dell'importo della fattura in misura di un decimo all'anno per dieci anni. 
Si riporta uno stralcio della legge finanziaria riguardante l'articolo 9:

Legge 28 dicembre 2001, n. 448 
"Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2002)"
pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 301 del 29 dicembre 2001, Suppl. Ordinario n. 285. 


Art. 9.

(Ulteriori effetti di precedenti disposizioni fiscali)

1. La detrazione fiscale spettante per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’articolo 1 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni, compete, per le spese sostenute nell’anno 2002, per una quota pari al 36 per cento degli importi rimasti a carico del contribuente, da ripartire in dieci quote annuali di pari importo. Nel caso in cui gli interventi di recupero del patrimonio edilizio realizzati nel 2002 consistano nella mera prosecuzione di interventi iniziati successivamente al 1º gennaio 1998, ai fini del computo del limite massimo delle spese ammesse a fruire della detrazione, si tiene conto anche delle spese sostenute negli stessi anni.

2. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, l’incentivo fiscale previsto dall’articolo 1 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni, si applica anche nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia di cui all’articolo 31, primo comma, lettere c) e d), della legge 5 agosto 1978, n. 457, riguardanti interi fabbricati, eseguiti entro il 31 dicembre 2002 da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile entro il 30 giugno 2003. In questo caso, la detrazione dall’IRPEF relativa ai lavori di recupero eseguiti spetta al successivo acquirente o assegnatario delle singole unità immobiliari, in ragione di un’aliquota del 36 per cento del valore degli interventi eseguiti, che si assume pari al 25 per cento del prezzo dell’unità immobiliare risultante nell’atto pubblico di compravendita o di assegnazione e, comunque, entro l’importo massimo previsto dal medesimo articolo 1, comma 1, della citata legge n. 449 del 1997.

[omissis]

 

 

 

© www.interfred.it - Il portale del freddo - Tutti i diritti riservati

Agevolazioni per l'installazione

Ultimo accesso 04/08/2020 ore 08:15:42

Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

ID pagina: 008 - C007  

Visite odierne:

 

 

Data creazione: 14/02/2002

Visite totali: 10525

Ultimo aggiornamento: 30/12/2012

Visite pagina

2002

244

2003

932

2004

1251

2005

1965

2006

2699

2007

3428

2008

4183

2009

5083

2010

6125

2011

7091

2012

7808

2013