Le fasi del sistema HACCP

 

Igloo

Nell'igloo di Fred puoi trovare anche

 

i diversi punti della procedura di controllo

     
  HACCP -  fasi - controllo - analisi -  misure correttive - documentazione  
     

 

 

 

 

Il sistema HACCP si basa sull'analisi del rischio e il controllo dei punti critici.

Lo scopo del sistema HACCP è quello di:

  • permettere di identificare e prevenire i pericoli di contaminazione del cibo,
  • agevolare i controlli delle autorità con la raccolta ordinata dei dati di produzione,
  • indicare responsabilità precise del produttore o del fabbricante,
  • agevolare le aziende in una onesta competizione sul mercato.

Il metodo HACCP può essere pensato suddiviso in più fasi.

Analisi del rischio - Devono essere identificati i potenziali pericoli associati ad un alimento ed i metodi per il loro controllo.

Il pericolo può essere di natura biologica (esempio: un microorganismo), chimica (esempio: un pesticida), o fisica (esempio: frammenti di vetro).

Controllo dei punti critici - Devono essere individuati tutti i punti del ciclo di produzione nei quali i potenziali pericoli devono essere controllati o eliminati (dal prodotto grezzo alla lavorazione, al confezionamento, alla conservazione fino al consumo).

Possono essere citati come esempi la cottura, la refrigerazione, l'inscatolamento.

Parametri di misura - Si devono stabilire preventivamente, per ogni punto critico, i parametri di misura e gli intervalli di tolleranza.

Ad esempio, per un cibo precotto vanno predeterminate la temperatura minima e massima di cottura ed il tempo di permanenza sufficiente a garantire l'eliminazione dei microbi.

Procedure di controllo - È necessario predisporre le procedure per il monitoraggio dei punti critici.

Ad esempio: indicare come, con quale strumento e da chi vada controllata la temperatura di cottura.

Misure correttive - Si deve indicare quali misure vadano prese nel caso si accerti che non siano stati rispettati i limiti prefissati.

Ad esempio: descrivere la procedura per lo smaltimento o il riciclo del prodotto cotto male.

Controllo del sistema - Predisporre le procedure per la verifica del corretto funzionamento del sistema.

Ad esempio: allestire il registro delle verifiche periodiche del termometro che registra la temperatura di cottura.

Documentazione - Organizzare un'efficace raccolta di documentazione del sistema HACCP.

Ad esempio: redarre (e tenere aggiornato) un manuale contenente le analisi del rischio, le procedure, i metodi di controllo, e così via.

Ognuno dei 7 punti elencati deve essere supportato da basi scientifiche: vanno dunque citate le fonti di provenienza delle considerazioni esposte.

 

 

© www. interfred .it - Il portale del freddo - Tutti i diritti riservati

Le fasi del sistema HACCP

Ultimo accesso: 21/04/2021 ore 18:02:53

Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

ID pagina: 305 - A078

Visite odierne:

 

W3C

Data creazione: 24/03/2002

Visite totali: 14722

Ultimo aggiornamento: -

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

           

 

Visite pagina

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017