Le fasi del sistema HACCP

 

Igloo

Nell'igloo di Fred puoi trovare anche

 

i diversi punti della procedura di controllo

     
  HACCP -  fasi - controllo - analisi -  misure correttive - documentazione  
     

 

 

 

 

Il sistema HACCP si basa sull'analisi del rischio e il controllo dei punti critici.

Lo scopo del sistema HACCP è quello di:

  • permettere di identificare e prevenire i pericoli di contaminazione del cibo,
  • agevolare i controlli delle autorità con la raccolta ordinata dei dati di produzione,
  • indicare responsabilità precise del produttore o del fabbricante,
  • agevolare le aziende in una onesta competizione sul mercato.

Il metodo HACCP può essere pensato suddiviso in più fasi.

Analisi del rischio - Devono essere identificati i potenziali pericoli associati ad un alimento ed i metodi per il loro controllo.

Il pericolo può essere di natura biologica (esempio: un microorganismo), chimica (esempio: un pesticida), o fisica (esempio: frammenti di vetro).

Controllo dei punti critici - Devono essere individuati tutti i punti del ciclo di produzione nei quali i potenziali pericoli devono essere controllati o eliminati (dal prodotto grezzo alla lavorazione, al confezionamento, alla conservazione fino al consumo).

Possono essere citati come esempi la cottura, la refrigerazione, l'inscatolamento.

Parametri di misura - Si devono stabilire preventivamente, per ogni punto critico, i parametri di misura e gli intervalli di tolleranza.

Ad esempio, per un cibo precotto vanno predeterminate la temperatura minima e massima di cottura ed il tempo di permanenza sufficiente a garantire l'eliminazione dei microbi.

Procedure di controllo - È necessario predisporre le procedure per il monitoraggio dei punti critici.

Ad esempio: indicare come, con quale strumento e da chi vada controllata la temperatura di cottura.

Misure correttive - Si deve indicare quali misure vadano prese nel caso si accerti che non siano stati rispettati i limiti prefissati.

Ad esempio: descrivere la procedura per lo smaltimento o il riciclo del prodotto cotto male.

Controllo del sistema - Predisporre le procedure per la verifica del corretto funzionamento del sistema.

Ad esempio: allestire il registro delle verifiche periodiche del termometro che registra la temperatura di cottura.

Documentazione - Organizzare un'efficace raccolta di documentazione del sistema HACCP.

Ad esempio: redarre (e tenere aggiornato) un manuale contenente le analisi del rischio, le procedure, i metodi di controllo, e così via.

Ognuno dei 7 punti elencati deve essere supportato da basi scientifiche: vanno dunque citate le fonti di provenienza delle considerazioni esposte.

 

 

© www. interfred .it - Il portale del freddo - Tutti i diritti riservati

Le fasi del sistema HACCP

Ultimo accesso: 19/10/2020 ore 22:29:16

Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

ID pagina: 305 - A078

Visite odierne:

 

W3C

Data creazione: 24/03/2002

Visite totali: 14038

Ultimo aggiornamento: -

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

           

 

Visite pagina

2002

372

2003

914

2004

1544

2005

1992

2006

2537

2007

3103

2008

3723

2009

4267

2010

4836

2011

5445

2012

5954

2013

6510

2014

7066

2015

7542

2016

8423

2017

9440