Climaway Giornale del Freddo Climaway

Manifesazioni,eventi,annunci di lavoro,cerco,offro,prodotti,novità,notizie,refrigerazione,condizionamento,freddo

Giornale del freddo

 
News

 

  Bacheca annunci

  Stellina

(342) Azienda operante nel settore metalmeccanico ricerca FRIGORISTA La risorsa si occuperà della manutenzione degli impianti di refrigerazione, in particolare: installazione e montaggio, assistenza tecnica con interventi di manutenzione, individuazione/risoluzione delle cause di malfunzionamenti e guasti, redazione della relativa documentazione. Sede di lavoro: Trissino (VI).

>>>> Leggi tutto

  Stellina

(343) Importante azienda operante nel settore metalmeccanico in zona Arenzano (GE) caerca n. 1 FRIGORISTA. La risorsa sarà inserita nella squadra operativa e svolgerà mansioni di installazione, manutenzione e riparazione impianti frigo industriali.

>>> Leggi tutto
 

Motore_Ricerca

Cerchi
altro?
 

 

 
Fai conoscere
 
  eventi  
     
  29 novembre
2 dicembre 2020
 
  MIG  
 

61a Mostra
internazionale
del gelato
artigianale

 
 

Longarone
(BL)

 
  —◘—  
  8-11 marzo 2022  
  MCE  
 

42a Mostra
Convegno
Expocomfort

 
 

Rho Fiera Milano

 
  —◘—  
 
 
  IN PRIMO PIANO  
 
 

Impianti HFC

 
 

Multe F-gas

 
 

Sanzioni per infrazioni nell'uso dei gas HFC e HFO

Leggi tutto >>>
 
  —◘—  
 

Regolamento F-gas

 
 

Disposizioni per l'uso di HFC e HFO

Leggi tutto >>>
 
  —◘—  
 

Divieti
per l'R404A

 
 

Dal 1 gennaio 2020 sono entrati in vigore le limitazioni d'uso dell'R404A. Riguardano l'immissione in commercio sia di frigoriferi e congelatori ad uso commerciale sia apparecchiature fisse di refrigerazione. Anche nella manutenzione ed assistenza di alcuni impianti frigoriferi vi sono delle restrizioni

Vedi il Regolamento>>>
 
  —◘—  
 

Impianti
CFC - HCFC

 
 

Multe R12 - R22

 
 

Sanzioni per infrazioni nell'uso dei gas che danneggiano l'ozono atmosferico

Leggi tutto >>>
 
  —◘—  
 

Addio all'R22

 
 

Dal 1 gennaio 2015 è proibito l'uso di R22 (anche rigenerato o riciclato) in ogni tipo di manutenzione ed assistenza nelle apparecchiature di condizionamento e refrigerazione.

 
  —◘—  
 

Obbligo di libretto
e controllo
delle fughe

 
 

Anche per gli impianti frigoriferi a CFC e HCFC con carica pari o superiore a 3 kg è necessario compilare il registro dell'apparecchiatura

 
  —◘—  
 

Regolamento
uso CFC-HCFC

 
 

Dal 1 gennaio 2010 è in vigore il nuovo Regolamento CE 1005 del 16 settembre 2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono.
Esso sostituisce ed...

Leggi tutto >>>
 
     
     
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
  131

Finestre ad acqua

 
 

Il vetro riempito con acqua potrebbe essere usato per riscaldare e raffreddare strutture e risparmiare energia in tutti i climi.
Una ricerca condotta da università inglesi e tedesche mostra che finestre costruite con tale sistema funzionano bene in qualsiasi clima abitativo mantenendo freschi gli edifici nei climi caldi e caldi gli edifici in ambienti freddi - senza richiedere un approvvigionamento energetico aggiuntivo.
Il sistema prevede una lastra d'acqua intrappolata tra un pannello di vetro. L'acqua è praticamente invisibile. I pannelli sono collegati a un serbatoio di stoccaggio dell'acqua mediante tubi nascosti nelle pareti, in modo che il fluido possa circolare tra i due.
Questo sistema consente alle cosiddette case d'acqua di raffreddarsi e riscaldarsi, senza bisogno di un apporto energetico aggiuntivo per gran parte dell'anno. Quando fa caldo, l'acqua assorbe il calore esterno e interno. Questa acqua calda viene quindi fatta circolare nel serbatoio di accumulo, che può essere situato nelle fondamenta o collocato da qualche parte nell'edificio. Se la temperatura scende, il calore accumulato nel serbatoio può essere riportato alle pareti per riscaldare l'edificio.

 

 
 
  130

Annullata MCE 2020

 
 

Reed Exhibitions Italia, organizzatore dell'evento, ha deciso di annullare definitivamente l'edizione 2020 di MCE che, dallo scorso marzo, era stata inizialmente rinviata a settembre. Ora la decisione di rimandare l'evento al 2022.

 

 
 
  129

Seguestro di R134a illegale

 
 

La polizia Croata ha sequestrato 22 bombole non ricaricabili di R134a importate illegalmente in Europa su un'automobile. Complessivamente si tratta di 300 kg di refrigerante contenuto in recipienti il cui utilizzo è vietato in Europa dal 2007


 

 
 
  128

Il refrigeratore personale

 
 

Fujitsu ha portato la sua esperienza nel campo della climatizzazione a livello personale con lo sviluppo di un dispositivo di raffreddamento indossabile.
L'attrezzatura Cómodo è un'unità di raffreddamento indossata intorno al collo e contenente tre piccoli elementi Peltier. La sua funzione è quella di raffreddare il sangue che scorre attraverso l'arteria carotide per abbassare la temperatura corporea interna. Il meccanismo di raffreddamento intorno al collo invia calore al dissipatore di calore raffreddato ad acqua indossato in vita. Si dice che questo design fornisca un effetto di raffreddamento anche se le temperature superano i 35 °C.


Si rivolge principalmente a coloro che lavorano all'aperto sotto il sole caldo o in un ambiente non dotato di aria condizionata, come quelli nel settore della sicurezza e delle costruzioni, nonché al personale delle fabbriche.*

 

 
 
  127

Cancellata Chillventa 2020

 
 

Chillventa 2020, la più grande manifestazione biennale europea per l'industria della refrigerazione e del condizionamento dell'aria, è stata cancellata a causa degli effetti in corso della pandemia di coronavirus. La mostra riprenderà la sua normale sequenza biennale l'11-13 ottobre 2022.
"Non è stata una decisione facile", ha dichiarato Petra Wolf, membro del consiglio di amministrazione di Norimberga. Stiamo facendo di tutto per offrire una piattaforma utilizzabile per tenere il Congresso di Chillventa, ad esempio, o i forum commerciali o le presentazioni dei prodotti in un formato virtuale, in modo da poter soddisfare la necessità di condividere le conoscenze e fornire i contatti tra gli esperti".*

 

 
 
  126

Il colosso EPTA

 
 

Epta, produttore leader nella refrigerazione commerciale, donerà oltre 1 milione di euro per combattere la pandemia di coronavirus. Oltre il 50% sarà dedicato alle comunità locali dove sono attive le fabbriche italiane di Epta, mentre € 500.000 sono destinati al progetto condiviso tra l'associazione italiana di ingegneria Anima e l'ospedale San Raffaele di Milano. L'ospedale è attivo dal primo giorno dell'emergenza del coronavirus in Italia, occupandosi dei malati più gravi. La capacità della sua unità di terapia intensiva è stata raddoppiata e presto sarà triplicata grazie al contributo di ANIMA.
Il presidente e CEO di Epta, Marco Nocivellito, ha dichiarato che la donazione per "esprimere la nostra solidarietà" durante l'emergenza è stata un'azione concreta sostenuta da entrambe le famiglie Nocivelli e Triglio Godino. "L'obiettivo dell'iniziativa è di fornire supporto durante questa emergenza anche a medio-lungo termine, in particolare, attraverso lo sviluppo di un vaccino in grado di sradicare il coronavirus alla radice ed evitare un'ulteriore diffusione", ha detto Nocivelli. Delle donazioni locali, € 200.000 sono stati donati all'ospedale Ulss 1 Dolomiti di Belluno, € 100.000 a Ulss 6 Euganea a Padova per l'ospedale Schiavonia, € 200.000 al Comune di Casale Monferrato per l'Ospedale San Spirito di Casale e € 100.000 al Comune di Pomezia.*

 

 
 
  125

Aria condizionata e coronavirus

 
 

REHVA, la Federazione europea delle associazioni di Riscaldamento, Ventilazione e Aria condizionata, ha informato che l'umidificazione, il condizionamento dell'aria e la pulizia dei condotti non hanno alcun effetto pratico sulla trasmissione del coronavirus.
Le informazioni sono contenute in un nuovo documento consultivo rilasciato da REHVA e si dice che sia basato sulle migliori conoscenze attuali contenute nel documento dell'Organizzazione mondiale della sanità (Preparare i luoghi di lavoro per COVID-19).
Destinato principalmente ai professionisti HVAC e ai gestori delle strutture, il documento ha come oggetto gli edifici commerciali e pubblici, ad esempio uffici, scuole, aree commerciali, impianti sportivi, ecc., dove è prevista solo un'occupazione occasionale di persone infette. Sono escluse le strutture ospedaliere e sanitarie.
Fondamentalmente, il documento insiste sul fatto che l'umidificazione e l'aria condizionata non hanno alcun effetto pratico sulla trasmissione del virus. A differenza di altri virus, SARS-CoV-2, il virus che causa la malattia di Covid-19, è abbastanza resistente ai cambiamenti ambientali ed è suscettibile solo a umidità relativa elevata superiore all'80% e una temperatura superiore a 30 °C.
I sistemi di riscaldamento e raffreddamento, afferma il documento, possono funzionare normalmente in quanto non vi sono implicazioni dirette sulla diffusione di Covid-19.

Anche Eurovent presenta le sue raccomandazioni generali sul funzionamento dei sistemi di ventilazione durante la pandemia di coronavirus. Nel documento presentato, si afferma che non ci sono prove che il coronavirus possa diffondersi attraverso i sistemi di ventilazione o di condizionamento dell'aria. Non vi è dubbio che la concentrazione delle goccioline più piccole trasportate dall'aria, che possono contenere virus, inclusi virus diversi da SARS-CoV-2, dovrebbe essere mantenuta la più bassa possibile. Ciò può essere efficacemente ottenuto mediante il corretto funzionamento dei sistemi di ventilazione meccanica.
La raccomandazione generale Eurovent è quella di manutenere e far funzionare correttamente i sistemi di ventilazione in conformità alle indicazioni del produttore e alle comuni norme igieniche. Come precauzione per il periodo di pandemia, può essere utile aumentare le velocità di ventilazione e aumentare la percentuale di aria esterna nel sistema; prolungare il tempo di funzionamento del sistema di ventilazione; verificare che le unità di ventilazione siano installate correttamente; cercare di mantenere un'umidità relativa interna superiore al 30% (ove possibile).

AICARR (Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria Riscaldamento Refrigerazione) ha redatto un Prontuario per le persone non esperte di impianti di climatizzazione con lo scopo di illustrare come questi sistemi, se gestiti bene, possono nella maggior parte dei casi ridurre il rischio di contagio di COVID-19. Il prontuario nasce quindi per fare chiarezza in una situazione dove le informazioni sono tante e contrastanti.
Attualmente si sta discutendo sulla possibilità che COVID-19 possa diffondersi anche nell’aria attraverso minuscole goccioline d’acqua emesse dalle persone quando parlano e respirano. Questo perché molti altri virus si diffondono anche così e al momento nessuno lo può negare per il nuovo coronavirus, di cui si sa ancora molto poco. L’attuale difficoltà è quantificare l’effetto della diffusione aerea sul pericolo di contagio complessivo: se anche tale diffusione avesse un peso nel rischio di contagio, il nuovo coronavirus è decisamente meno contagioso per via aerea di molti altri virus (ad esempio il morbillo). Altrettanto certo è che il contagio per contatto diretto, dovuto alle goccioline emesse con colpi di tosse e starnuti che possono raggiungere persone vicine, è molto più pericoloso di quello dovuto alle goccioline leggere che si diffondono nell’aria.
Per garantire le condizioni di salubrità degli ambienti chiusi e quindi la salute di chi li occupa è necessario ricambiare l’aria, ventilando. In questo contesto, sia l’Istituto Superiore di Sanità che l’Organizzazione Mondiale della Sanità consigliano di immettere il più possibile aria esterna nei locali chiusi. Infatti, la concentrazione del virus nell’aria esterna è estremamente bassa e tale da non contagiare nessuno. Si può immettere aria esterna aprendo le finestre e (ove possibile) anche le porte oppure, soluzione più consigliata ed efficace, accendendo gli impianti di climatizzazione (usati per il riscaldamento invernale e raffrescamento estivo). Aprire solo le finestre non garantisce sempre un ricambio d’aria completo nei locali, quindi non si può avere la certezza di aver diluito l’eventuale concentrazione di virus in ambiente. Mentre con gli impianti di climatizzazione si immette nei locali la quantità d’aria necessaria per il ricambio dove e quando si vuole, mantenendo alte anche le condizioni di comfort termico. Usando tali impianti di climatizzazione si riduce quindi il rischio di contagio proprio perché si diluisce l’eventuale concentrazione di virus all’interno dei locali chiusi. *

 

 
 
  124

Calano i prezzi dei refrigeranti

 
 

I prezzi dei refrigeranti HFC hanno continuato a scendere nell'ultimo trimestre del 2019, confermando un anno di diminuzioni dei prezzi dai massimi del 2018. Secondo l'ultimo rapporto della società di consulenza tedesca Öko-Recherche, il calo dei prezzi è stato in media inferiore rispetto ai trimestri precedenti. Nonostante ciò, i prezzi a livello di OEM e di società di servizi sono ancora da quattro a sei volte superiori rispetto a prima dell'inizio dell'aumento dei prezzi nel 2017.
Anche i prezzi di vendita delle società di servizi sono ulteriormente diminuiti e hanno raggiunto un livello comparabile a quello del terzo/quarto trimestre del 2017.
I prezzi delle alternative con GWP più basso sono rimasti stabili o sono ulteriormente diminuiti.
Risultano disponibili quantità limitate di refrigerante rigenerato: i prezzi di questi gas possono raggiungere il doppio del prezzo dei gas vergini. Il gas recuperato con maggior frequenza è l'R404A, seguito dall' R134a.*

 

 
 
  123

R32? No, grazie

 
 

Forse non c'è ancora abbastanza informazione tra gli addetti al settore. Forse si cercano scappatoie brevi di fronte al problema della carenza di R410A. Sta di fatto che alcuni manutentori eseguono il retrofit di climatizzatori split sostituendo l'R410A con l'R32.
Grave errore, dato che il primo è un refrigerante non infiammabile, mentre il secondo è classificato come leggermente infiammabile. E' vero che le pressioni di lavoro sono simili, ma tale sostituzione non si può proprio fare dato che i componenti elettrici dei circuiti devono essere specifici per R32 e quelli per l'R410A non sono adatti. L'uso improprio dell'R32, come in questo caso, può portare a seri problemi di sicurezza dell'apparecchiatura. Inoltre, chi compie il retrofit è passibile, come minimo, di sanzione amministrativa.*

 

 
 
  122

I ghiacciai delle Dolomiti in crisi

 
 

 

Quello dell'Adamello è uno dei ghiacciai più estesi d'Italia. Si estende da una altitudine minima di 2603 metri alla massima di 3429 metri. Il Servizio Glaciologico Lombardo nel 1991 stimò la sua superficie in 18,13 km quadrati. Scesi a 17,24 Km quadrati nel 2003 e a 15,61 km quadrati nel 2007. Ora la sua superficie si aggira sui 13 km quadrati, dati riferiti all'estate 2017. Il caldo di fine luglio ed inizio agosto ha certamente peggiorato la situazione. Di notte la temperatura a 3000 metri non riesce a scendere sotto lo zero e l'acqua scorre, scorre...

Adamello

Si formano grandi crepacci e i grossi massi tenuti fermi dal ghiaccio scivolano a valle. Una simulazione effettuata dall'Università di Brescia prevede l'esaurimento del ghiacciaio entro il 2090, eccetto alcune piccole placche sui versanti più elevati ed ombreggiati.

Anche il ghiacciaio della Marmolada è in forte crisi. Si pensa che nel giro di pochi anni, entro il 2020, si possa spaccare in due, dato il continuo ritiro. Solo nei primi giorni del caldo agostano si sono pesi circa 65 cm di ghiaccio. Di giorno, a 2700 m di quota, ci sono 20/22 gradi che, assieme alla poca neve caduta in inverno, stanno facendo letteralmente scomparire il ghiacciaio. Il sole, infatti, scioglie direttamente il ghiaccio e non la neve invernale. Mano a mano che il ghiaccio si ritira affiorano resti della Grande Guerra (bombe, pezzi di artiglieria, scheletri). Negli ultimi cinque anni, dal 2012, si sono persi 4 metri e mezzo di neve. Già ai primi di agosto si sono perse tutte le riserve idriche accumulate d'inverno.

Analoga sorte per il ghiacciaio della Fradusta, nel gruppo delle Pale di San Martino, che si sta esaurendo giorno dopo giorno, assieme a quello del Travignolo e delle Pale. Tutti i ghiacciai secondari delle Pale di San Martino sono ormai scomparsi mentre quelli primari sono stati declassati a glacio-nevai.

Anche per i ghiacciai del Careser, del Presena e del Gran Zebrù i dati sono incontrovertibili. Colpa delle temperature troppo elevate. *

 

 
 
 
  115

Sorpresa!

 
 

 

Ormai è accertato. Il problema dei gas serra è imputabile principalmente alle mucche. Sembra strano, eppure è così. Ogni mucca, a seguito del suo processo digestivo, emette giornalmente circa 250 litri di metano ed altri gas ad effetto serra. A causa degli allevamenti intensivi di tali animali, le quantità di gas che finiscono in atmosfera ogni giorno sono enormi.
Come porre rimedio? Semplicemente diminuendo i consumi di carni rosse. Basterebbe? Pare proprio di sì. Ma allora i refrigeranti? *

 

 
  Novità commerciali  
 

Nuovo pressostato

 
 

Alco Controls ha presentato un nuovo tipo di pressostato di sicurezza con pressione massima di sicurezza di 70 bar. Il dispositivo si rende idoneo, così, a lavorare con l'R410A o con la CO2 in cicli subcritici.
L'apparecchio è disponibile con varie tipologie di contatti e soddisfa le disposizioni delle norme EN12263 e EN378 *

climate.emerson.com
 
  —◘—  
 

La valvola più piccola al mondo

 
 

Danfoss ha presentato quella che ritiene sia la valvola di espansione elettronica più piccola al mondo. Danfoss ETS 5M è bi-flusso, consentendo prestazioni silenziose e precise sia per il raffreddamento che per il riscaldamento. Tale valvola è ideale per i condizionatori d'aria per locali tecnologici. Danfoss sostiene che il preciso controllo del flusso della mini EEV e la migliore protezione dall'umidità e dalle perdite interne migliorano l'affidabilità del sistema nei data center in cui è necessario mantenere temperature costanti tutto il giorno.
La nuova valvola è elettricamente compatibile con i driver 12V esistenti ed anche con i refrigeranti a basso GWP, come R32. Danfoss intende estendere l'utilizzo ad armadi semi-plug-in, celle frigorifere e applicazioni di trasporto refrigerato. *

www.danfoss.it
 
  —◘—  
 

Polifemo Teddy

 
 

Argo propone un raffrescatore evaporativo portatile adatto per i piccoli ambienti. Dotato di un flusso d'aria a 3 vie e di un filtro antipolvere, garantisce una portata d'aria di 382 m3/h. L'aria viene raffrescata dall'acqua di un serbatoio dal contenuto di 4,1 litri. A sua volta l'acqua viene raffreddata da due tavolette di ghiaccio sintetico. Lo scambio termico tra acqua e aria avviene grazie ad un pannello evaporativo a nido d'ape.*

www.argoclima.it
 
  —◘—  
 

Il clima intelligente

 
 

Fujitsu propone un climatizzatore in grado di riconoscere la presenza di persone all'interno dell'ambiente e gestire di conseguenza il flusso di aria più efficace. Questo contribuisce a migliorare l'efficienza energetica e a raggiungere la tripla classe A. *

www.fujitsu.it
 
Raccordo_sx_tbl_IFAziende
 

 

 

 

 

 

 

Raccordo_dx

 

> > >     interFRED AZIENDE     < < <

 

 

Aziende del freddo

Direttiva PED

Giornale del freddo

HACCP

Legislazione

 

 

Normative

Refrigeranti

Trasporti refrigerati

 

 

 

 

 

 

 

 

       
                                                                   
  Visite pagina 2004 2584 2005 5063 2006 7509 2007 10356 2008 13326 2009 16493 2010 19707 2011 22259 2012 24883 2013 27966 2014 30319 2015 32076 2016 34209 2017 35831 2018 37239 2019 38220
  2020 39075 2021 2022 2023 2024 2025 2026 2027 2028 2029 2030 2031 2032 2033 2034 2035