Il frigorifero no frost

Tecnologia migliore rispetto a quella di raffreddamento tradizionale

Diffusori - Sbrinamento - Consumo - Total no frost - Costo - Sensori


No frost, cioè senza brina. Il frigorifero no frost si caratterizza perchè al suo interno non si forma la brina o il ghiaccio, o perlomeno se ne forma in quantità veramente minima rispetto ad un comune frigorifero.

La ventola interna

I frigoriferi ed i congelatori no-frost sono caratterizzati dall'avere una piccola ventola (posizione 1 della figura) che permette di distribuire con migliore uniformità l'aria fredda all'interno del vano.

Ventola no frost

Questa ventola permette un più rapido e omogeneo raffreddamento dei cibi contenuti, soprattutto quando si introducono cibi all'interno del frigorifero nella stagione più calda.

La circolazione dell'aria avviene in modo più uniforme grazie alla ventola e permette di avere anche una migliore distribuzione dell'umidità che non è così in grado di depositarsi sulle pareti del vano interno, formando la brina.

La distribuzione dell'aria può avvenire anche mediante appositi diffusori disposti a varie altezze all'interno del vano frigorifero e congelatore. Anche in questo caso l'aria viene movimentata da un'apposita ventola.

Non si forma la brina

È proprio la mancata formazione di brina che permette di attribuire a tale tipologia di frigoriferi la denominazione no-frost.
In questi tipi di frigoriferi viene a mancare, quindi, la necessità di sbrinare periodicamente il vano, con notevoli vantaggi per la conservazione degli alimenti, che mantengono in maniera inalterata nel tempo i sapori e gli odori.

Il continuo funzionamento della ventola (eccetto che per i tempi di apertura delle porte del frigorifero per impedire che il freddo esca in maniera eccessiva) aumenta i consumi elettrici complessivi del frigorifero.

Nel vano congelatore di un frigorifero no frost è presente una resistenza riscaldante che permette di sciogliere la brina che si forma: in questo modo non si accumula ghiaccio nel vano congelatore.
Anche questa resistenza aumenta i consumi elettrici.

Il sistema total no frost

Quando sia il vano congelato che quello frigorifero adottano la tecnologia no frost allora si parla di sistema total no frost.
Se invece il vano frigorifero utilizza la tecnoloiga tradizionale, allora si parla di congelatore no frost.

Il frigorifero no frost consuma di meno

Tuttavia la mancata formazione di brina sulle pareti interne del frigorifero (e quindi la migliore stabilità di funzionamento dell'impianto) e la non necesità di eseguire periodicamento lo sbrinamento, compensano il maggior consumo dovuto al funzionamento della ventola e della resistenza.
I cibi vengono conservati meglio, si deteriorano di meno e si conservano più a lungo.

Il frigorifero no frost costa di più

La tecnologia no frost costa di più rispetto a quella tradizionale: nel frigorifero no frost oltre alla ventola interna esistono dei sensori di temperatura che monitorano lo spessore di brina che si può accumulare sulle pareti, quante volte è stata aperta la porta del frigorifero, che misurano la temperatura ambiente.
Una centralina elettronica gestisce tutte queste informazioni e regola il funzionamento del frigorifero in modo da ridurre il più possibile la formazione di brina e di diminuire i suoi consumi elettrici.

© www.interfred.it - Il portale del freddo - Tutti i diritti riservati
Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

W3C
Frigorifero no frost
ID pagina: 254 - C037
Data creazione: 12/02/2002
Ultimo aggiornamento: 01/06/2019
occhio
odierne: 2
anno: 2093
totali: 55625

+50k