Usare R32 o R410A

Istruzioni, attrezzature e precauzioni di sicurezza

Strumenti - Fruste flessibili - Recuperatore - Tubazioni - Gruppo manometrico - Bombole - Trasporto - Stoccaggio - Normativa antincendio


L'R410A è il refrigerante che ha sostituito l'R22 negli impianti di condizionamento, soprattutto nei climatizzatori split.
A sua volta l'R32 sostituisce l'R410A in quanto più rispettoso dell'ambiente.
Ecco alcuni consigli su come usare R410A o R32.

Caratteristiche di R32 e R410A

L'R410A, è una miscela quasi azeotropa, caratterizzata da pressioni di lavoro molto più elevate rispetto l'R22.
Ha un glide molto piccolo, per cui può essere movimentato indifferentemente in fase liquida o gassosa.
L'R32 è un refrigerante puro e leggermente infiammabile; anch'esso lavora con pressioni molto elevate, quasi uguali a quelle dell'R410A.
Essendo un monocomponente anch'esso può essere movimentato in fase liquida o gassosa, a piacere.
È importante evitare qualsiasi forma di miscelazione tra questi refrigeranti, cioè di caricare R410A in circuiti funzionanti a R22 (per le diverse pressioni di lavoro) e, soprattutto, di caricare R32 in circuiti progettati per funzionare con R410A: questo per la diversa infiammabilità che caratterizza questi gas.
Per lo stesso motivo, gli strumenti utilizzati per l'R22 (manometri, fruste flessibili, ecc) non devono essere usati quando si lavora con R410A e R32.

Strumentazione per R32 e R410A

Per maneggiare l'R32 e l'R410A occorre un po' di perizia: ad esempio nel collegare e scollegare le fruste flessibili di collegamento al circuito, dato che le alte pressioni di questi refrigerante fanno fuoriuscire parecchio gas quando si preme la valvolina Schrader.
Questo può essere pericoloso soprattutto quando ci si collega ad un tubo del liquido.
In genere gli strumenti di lavoro per R32 sono diversi da quelli per R410A: ad esempio il recuperatore per il refrigerante deve essere specifico, così come tutti gli altri strumenti che hanno componenti elettrici (talvolta fa eccezione la pompa del vuoto, se possiede determinate caratteristiche). Questo è dovuto al fatto che l'R32 è un gas leggermente infiammabile (A2L).

Per quanto riguarda tubazioni, giunti e collegamenti:
- non devono mai essere usate tubazioni con spessore inferiore a 0,8 mm
- per diametri superiori a 20 mm i giunti vanno realizzati mediante brasatura forte
- nei giunti a bicchiere la profondità di inserimento del tubo nel bicchiere deve essere di qualche mm superiore a quanto solitamente si esegue per gli altri refrigeranti
- nei giunti a cartella la coppia di serraggio del bocchettone deve essere superiore a quanto solitamente si esegue con altri refrigeranti

Diametro nominale tubo Coppia serraggio (Nm)
1/4" 14-18
3/8" 33-42
1/2" 50-62


- i bocchettoni per R410A e R32 hanno dimensioni diverse da quelli tradizionalmente utilizzati
- la valvola a tre vie per il collegamento alle unità esterne delle unità split ha diametro diverso da quella utilizzata con l'R22

Gruppo manometrico per R32 e R410A

Anche il gruppo manometrico è specifico per l'uso con questi refrigeranti: il manometro di bassa ha un fondo scala a circa 38 bar, mentre quella di alta a 53 bar.
Gli attacchi delle fruste flessibili sono più grandi rispetto agli attacchi tradizionali (nella foto, a sinistra).

Fruste flessibili

Per passare da un attacco per R32 o R410A ad uno tradizionale esistono in commercio opportuni riduttori (vedi foto).

Riduttore per R410A


Stoccaggio e trasporto di R32 e R410A

Per il trasporto e lo stoccaggio di questi due refrigeranti in modiche quantità si devono seguire tutti gli accorgimenti che normalmente si applicano per tutti i refrigeranti.
Anche le apparecchiature, purchè in numero ridotto, possono essere immagazzinate con le stesse modalità che si adottano per tutti gli altri refrigeranti.
Comunque, per adempiere a tutte le disposizioni di sicurezza vigenti, è bene riferirsi a quanto prevedono le norme, i regolamenti e le leggi esistenti in materia di gas infiammabili.

Le bombole di R410A hanno colore rosa mentre quelle dell'R32 hanno l'ogiva rossa.

Bombola R32


Impianti di condizionamento a R32 e R410A

Gli impianti a R410A, che è un refrigerante non infiammabile, non hanno mai avuto alcuna limitazione d'installazione.
Invece per quelli a R32, non è sempre stato così. Il decreto del 10 marzo 2020 aggiorna le disposizioni tecniche riguardanti gli impianti di climatizzazione e condizionamento previste nelle regole tecniche di prevenzioni incendi, in particolare aggiorna la sola possibilità di impiego di fluidi refrigeranti non infiammabili o non infiammabili e non tossici nelle seguenti applicazioni:
- alberghi e altre attività ricettive quali villaggi turistici e affittacamere,
- attività commerciali aventi superficie superiore a 400 m2,
- ospedali, strutture sanitarie e centri diagnostici,
- scuole di qualsiasi tipo, ordine e grado,
- locali di pubblico spettacolo, teatri, cinema, sale da ballo,
- uffici con oltre 25 persone presenti,

Il predetto decreto consente la possibilità di utilizzo negli impianti di climatizzazione e condizionamento di macchine equipaggiate con refrigeranti A1 o A2L (e quindi anche di R32), superando il vincolo di utilizzo di soli fluidi non tossici o non infiammabili.
Inoltre ribadisce che la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione di tali impianti deve essere fatta a regola d'arte, quindi rispettando le regole e le norme applicabili.
Infine, stabilisce che gli impianti di climatizzazione e condizionamento sono impianti rilevanti ai fini della sicurezza antincendi.

Certificazione F-gas per R32 e R410A

Il Regolamento Europeo 517/2014 obbliga il personale che esegue installazioni, manutenzioni, assistenza, riparazioni, smantellamento di circuiti frigoriferi contenenti R32 e R410A ad essere certificati (patentino).

© www.interfred.it - Internet del freddo - Tutti i diritti riservati
Vietata ogni riproduzione, anche parziale, se non autorizzata

W3C
Usare R32 o R410A
ID pagina: 054 - I001
Data creazione: 20/07/2004
Ultimo aggiornamento: 08/01/2019
occhio
odierne: 1
anno: 4084
totali: 28270

+25k